RIVISTA DI MECCANICA OGGI - Il transfer compie cinquant'anni.
       
 


Ecco come una piccola azienda meccanica affiancata a una società d’ingegneria industriale si è negli anni trasformata in un’azienda in grado, non solo di esportare in tutto il mondo macchinari ad alta tecnologia, ma anche di progettare soluzioni chiavi in mano per ottimizzare processi produttivi e rendere le produzioni più efficienti, sotto il profilo dei costi e della qualità. (...)

Le innovazioni sono proseguite anche negli Anni Novanta e Duemila, grazie allo sviluppo di macchine transfer integranti dei piccoli centri di lavoro con cambio utensile in soli 0,4 secondi oppure macchine transfer integranti veri e propri centri di lavoro con cambio utensile; entrambe le soluzioni sono state brevettate e rappresentano le linee di macchine transfer flessibili Trans-N-Center “Fast” e “Maxi” e i Centri di Lavoro multi-stazione della serie Omni-Flex “Mono-Center”, “Tri-Center” e “5-axis Quattro”.
A proposito di quest’ultima macchina, la Buffoli è stata la prima azienda a realizzare Centri di Lavoro a 5 assi basati sulla tecnologia dei motori coppia e dotati di più mandrini. La tecnologia dei torque motors è stata poi portata su tavole rotanti, su morse rotanti e su morsetti girevoli in continuo. Anche in questo caso le soluzioni sono state brevettate e consentono di far ruotare in continuo, senza ritorno alla posizione iniziale, tavole rotanti su cui sono installate fino a 10 tavolette rotanti in continuo per posizionare il pezzo su qualunque angolo.

Siamo qui al massimo della possibilità di combinare flessibilità e produttività su un unico mezzo produttivo, con lo scopo di abbattere i costi di produzione in presenza di lotti piccoli e medi e gestire produzioni Just in Time di pezzi complessi. Venendo al campo della tornitura, da barra o da ripresa, molte macchine hanno altresì integrato torni orizzontali e verticali.
Si tratta delle soluzioni brevettate Omni-Turn, Trans-Bar-Turn e Twin-Turn per la lavorazione di alberame e pezzi torniti e fresati particolarmente complessi.

198 Kb